Effetti di cicatrici sui reni

La cicatrizzazione dei reni, o la glomerulosclerosi, ha molte cause, tra cui il diabete – la causa più comune negli Stati Uniti – l’alta pressione sanguigna, i farmaci, le infezioni ei processi autoimmuni come il lupus. Le cicatrici renali possono portare a effetti a lungo termine multipli, alcuni dei quali – come la proteina e il sangue nelle urine o l’alta pressione sanguigna – non presentano sintomi, mentre altri possono causare sintomi notevoli come il gonfiore di parti distanti del corpo o malattia del cuore. La cicatrizzazione è irreversibile, ma ulteriori danni possono spesso essere prevenuti o rallentati con il trattamento.

Proteina nell’urina

Le proteine, i blocchi del corpo, circolano nel sangue. Un ruolo importante dei reni è quello di pulire il sangue filtrando i rifiuti che il corpo produce e li escreta sotto forma di urina. La maggior parte delle proteine ​​è troppo grande per passare attraverso il normale sistema di filtrazione del rene durante questo processo e rimanere nel flusso sanguigno. Con la glomerulosclerosi, tuttavia, il filtro – il glomerulus – è danneggiato, permettendo alle proteine ​​di perdere l’urina. Questa proteina in eccesso nelle urine è chiamata proteinuria. La proteinuria stessa non provoca sintomi e può essere rilevata solo verificando l’urina. Ma con una notevole proteina, si possono sviluppare gonfiori delle mani o dei piedi.

Sangue nell’urina

Il sangue nelle urine – ematuria – è un altro segno di danni ai reni. Con la glomerulosclerosi non solo sono proteine ​​in grado di passare attraverso il filtro danneggiato del rene e essere escreto nell’urina, ma sono anche i globuli rossi. Secondo il numero di gennaio 2012 del “trapianto di dialisi nefrologica”, studi sperimentali hanno dimostrato che quando il sangue scende attraverso i glomeruli, può causare infiammazione dei tubuli, il segmento successivo del sistema di filtrazione, che porta a danni aggiuntivi. Nella glomerulosclerosi, il sangue nelle urine non è rilevabile semplicemente guardando l’urina in quanto è presente solo in quantità microscopiche. L’identificazione richiede test di laboratorio.

Alta pressione sanguigna

La pressione arteriosa aumentata può essere sia una causa che una complicazione della glomerulosclerosi. I reni hanno un ruolo importante nel mantenere la pressione sanguigna normale, rilasciando un ormone chiamato renina nel sangue. Con la glomerulosclerosi, la cicatrizzazione dei reni può influenzare negativamente la loro capacità di formare questo ormone e regolare la pressione sanguigna. L’alta pressione sanguigna può a sua volta contribuire a peggiorare la funzionalità renale danneggiando i piccoli vasi sanguigni del rene, portando alla glomerulosclerosi. La pressione arteriosa elevata può anche causare altre complicazioni come malattie cardiache, ictus e problemi con la circolazione alle arti. Il controllo della pressione sanguigna usando farmaci ti aiuta a prevenire peggioramento della funzione renale e complicazioni supplementari.

Altri effetti

Poiché un importante lavoro dei reni è quello di controllare l’equilibrio del fluido, la progressiva glomerulosclerosi può portare ad un eccesso di fluidi corporei e gonfiori. I reni controllano anche le quantità di elettroliti nel corpo, compreso il calcio e il potassio. Il mantenimento del rapporto relativo di elettroliti e di altre sostanze ormonali è importante per un battito cardiaco normale per prevenire aritmie, la produzione di globuli rossi per prevenire l’anemia e le cellule coagulanti per prevenire sanguinamenti anormali e la salute ossea normale per prevenire l’osteoporosi, le fratture e la debolezza muscolare. Gli squilibri in queste sostanze che si verificano nelle fasi finali della malattia renale possono portare ad una vasta gamma di complicanze che interessano molti sistemi organici diversi.