Esercizi per la caduta della bocca dopo un colpo

I colpi attaccano le porzioni del cervello che regolano le eccellenti capacità motorie. Ciò significa spesso perdere temporaneamente la funzione di braccio, mano o dito su un lato del corpo. Ma se soffri un ictus, una bocca cadente e una perdita di capacità di masticazione, di parlare e di deglutizione sono anche sintomi comuni. Come per il recupero di tutte le belle capacità motorie perdute o compromesse a causa di colpi, certi esercizi aiutano nella vostra strada per il recupero della funzione bocca.

Come funziona l’urto di colpi

A seguito di un ictus, l’intorpidimento o la paralisi spesso colpiscono un lato del tuo corpo, talvolta causando la tua bocca a cadere, soprattutto quando si cerca un sorriso, secondo la Mayo Clinic. Colpi sul lato sinistro del cervello influenzano il movimento sul lato destro del corpo e attaccano anche la funzione di discorso. Le terapie orali e l’esercizio diventano imperativo nel riacquistare la forma e la funzione della bocca.

Tipi e significato di esercizio

L’esercizio dopo un colpo ripercorre il cervello per eseguire le funzioni perse. Alcuni esercizi aiutano a riconquistare la funzione motoria orale – l’uso di mascelle, labbra, lingua e guance per i compiti quotidiani di consumo di cibo e bevande e di parlare. Un processo noto come terapia orale, talvolta usato anche per i bambini, aumenta la forza muscolare della bocca e la resistenza della mascella. Esercizi comuni utili includono la formazione di bolle, usando cannucce, soffiando su armoniche o kazoos ed esercitando la lingua colpendolo o premendolo ripetutamente nel tetto della bocca. Muovendo il mento da un lato all’altro, mantenendo la testa stazionaria aiuta anche a ri-tonificare e riorganizzare i muscoli della bocca svenuta e riportarli in forze.

Segnali di avvertimento

Una bocca cadente e l’intorpidimento del viso spesso sono alcuni dei primi segni che hai subito un ictus. L’assistenza medica immediata aiuta rapidamente a diagnosticare l’ictus e ogni minuto è cruciale, secondo la Mayo Clinic. Il danno cerebrale e la disabilità spesso aumentano con ritardi più lunghi prima del trattamento, ed esercitare solo dopo i tratti è efficace se il trattamento di emergenza iniziale mitiga gli impatti a lungo termine. La Clinica di Mayo nota che gli sforzi di trattamento e di ripresa a lungo termine sono più efficaci se l’assistenza medica d’emergenza arriva entro 60 minuti dai vostri sintomi iniziali.

Dottori richiesti

Se soffri un ictus, un team di professionisti medici, compresi medici e terapisti, lavorano insieme per coordinare il processo di recupero. I terapeuti fisici e del linguaggio coordinano esercizi e terapie per la riqualificazione della funzione delle bocche, secondo l’Health Tree del sito sanitario. I terapeuti professionali e professionali ti preparano per i compiti fisici necessari nella vita quotidiana in casa e sul posto di lavoro.

Time Frame al ripristino

Il periodo di tempo per il recupero di ictus varia da paziente a paziente, a seconda della portata e della gravità dei danni cerebrali, secondo la National Stroke Association. La Clinica Mayo nota l’importanza di riconoscere la lunga strada e il duro lavoro necessario per il recupero, poi celebrando piccoli successi lungo la strada.