Il sodio influisce sul colesterolo?

Sodio e colesterolo sono spesso citati insieme come cose da tagliare e monitorare per una dieta sana. Il sodio, compreso il cloruro di sodio o il sale da tavola, viene utilizzato nella produzione di alimenti come conservante, per stabilizzare, associare gli ingredienti, migliorare il colore, nonché per aromatizzare. Di conseguenza, le persone consumano molto più sodio di quanto non si rendano conto. Questo può essere relativo a individui con colesterolo alto, che sono sotto l’idea sbagliata che i livelli di sodio direttamente influenzano il colesterolo.

Il sodio è un elemento naturale, NA nella tavola periodica. È un metallo alcalino morbido e bianco. Il sodio è un elemento necessario per la salute perché, come spiegato sul sito web ChemiCool, “gli ioni di sodio facilitano la trasmissione di segnali elettrici nel sistema nervoso e regolano l’equilibrio idrico tra cellule del corpo e fluidi corporei”. L’American Heart Association spiega che anche se il sodio è un nutrimento essenziale, in realtà è molto poco necessario. Raccomanda di rimanere sotto i 1.500 milligrammi di sodio al giorno, che è difficile quando tanta delle bevande e delle bevande disponibili contengono grandi quantità di sodio. Troppo sodio nella dieta è legato all’alta pressione sanguigna e aumenta il rischio di infarto e ictus.

Ci sono due tipi di colesterolo nel corpo, il tipo buono, HDL e il tipo difettoso, LDL. Sono pensati in termini di buoni e cattivi in ​​base ai loro effetti sulla salute. L’equilibrio dei due è importante perché il colesterolo HDL funziona effettivamente per aiutare a limitare l’accumulo di arterie del colesterolo LDL. Alti livelli di colesterolo LDL possono bloccare le arterie che portano ad attacco di cuore e ictus. I livelli di colesterolo sono determinati sia dalla genetica che dalla dieta, in modo che quando una persona può essere geneticamente a rischio di colesterolo alto, può aiutare a ridurlo attraverso le loro decisioni dietetiche.

Il sodio non influisce sui livelli di colesterolo. Nel settembre 2003, all’American Heart Associations Annual High Blood Pressure Research Conference, l’autore principale Lawrence J. Appel, MD, professore di medicina presso la Johns Hopkins University School of Medicine di Baltimora, ha presentato i risultati degli approcci dietetici a Stop Hypertension ( DASH) – Prova di sodio. Secondo lo studio, non c’era cambiamento nel colesterolo totale, nel colesterolo lipoproteico a bassa densità (LDL), nel colesterolo lipoproteico ad alta densità (HDL) o nei trigliceridi. La dieta DASH è una dieta a basso contenuto di sodio tipicamente consigliata dai medici a persone che soffrono di ipertensione.

Il legame di salute tra sodio e colesterolo risiede nei fattori di rischio sia condivisi se troppo consumato. Una dieta di sodio elevata, così come il colesterolo alto, sono legati ad un aumento del rischio di infarto o ictus. Pertanto, nonostante il sodio non aumenta i livelli di colesterolo, i medici possono consigliare ai pazienti di limitarla a ridurre il rischio di infarto e di ictus.

Sodio e suoi effetti sulla salute

Colesterolo e suoi effetti sulla salute

Sodio effetto colesterolo

Il sodio e il colesterolo, qual è il collegamento sanitario?