La temperatura dell’acqua influisce sui tempi di nuotata?

Il nuoto utilizza tutto il corpo e richiede una notevole quantità di sforzo. Un corridore o un ciclista potrebbe dirti che queste attività si sentono molto diverse a seconda che la temperatura dell’aria sia calda o fredda. Lo stesso vale per il nuoto. La temperatura dell’acqua influenza la tua prestazione, inclusa la tua velocità, ma l’aumento del tempo potrebbe non valere il costo del tuo corpo.

Terry Laughlin, fondatore del metodo Total Immersion di nuoto, ha spiegato in un’intervista come il corpo risponde all’acqua fredda. Inizialmente, i vasi sanguigni si dilatano, permettendo al sangue caldo di riscaldare le estremità. Quindi, al fine di preservare la temperatura interna, le navi cominciano a chiudere per mantenere gli organi interni da raffreddarsi. Tuttavia, dopo un po ‘, le navi si apriranno di nuovo perché non riescono a mantenere la costrizione. Il freddo sangue scorre dall’estremità al nucleo e, a questo punto, devi prevenire, come uscire dall’acqua, per evitare l’ipotermia.

Una piscina calda non rimuove il calore eccessivo (sudore) che un nuotatore genera e quindi spende più energia in modo esponenziale “, scrive Roger Bacci, esperto di acquatici commerciali, nel suo articolo” Piscine Competitive “. Questo può causare livelli di sforzo insalubri e Il tuo corpo può surriscaldarsi, poiché l’acqua all’aperto tende a coinvolgere distanze e durate più lunghe rispetto agli eventi indoor, senza riposo tra i giri, Laughlin raccomanda di nuotare in una temperatura più fredda di quanto si possa aspettare in un pool, nella sua esperienza “si può acclimatarsi a Temperature più fredde, ma non quelle più calde.

La Federazione Internazionale di Natation, FINA, è il corpo direttivo per il nuoto competitivo in tutto il mondo. Le temperature dell’acqua per eventi indoor devono essere compresi tra 25 e 28 gradi Celsius, rispettivamente fra 77 e 82,4 gradi Fahrenheit. La temperatura ottimale è di 26 gradi Celsius o 78 gradi Fahrenheit. Nel dicembre 2010, il Comitato Nuoto Nuoto Nuovo Usa del Galles in Australia ha adottato una politica per il nuoto in acqua aperta per annullare gli eventi se la temperatura dell’acqua è superiore a 29 gradi Celsius, 84 gradi Fahrenheit.

Il “Journal of Sports Medicine and Fitness” ha pubblicato uno studio nel 1993 che ha mostrato che l’acqua più calda ha infatti aumentato la velocità. Tuttavia, l’autore V. Mougios ha notato, “l’aumento delle prestazioni nelle acque più calde è accompagnato da maggiori carichi metabolici e cardiovascolari”. In altre parole, l’acqua più calda rende il corpo più duro. Mentre lo studio ha mostrato una temperatura di 32 gradi Celsius, 89,6 Fahrenheit, ha dato velocità più veloci, gli esperti sembrano concordare che una temperatura dell’acqua più fresca è più sana.

Acqua fredda e il tuo corpo

Acqua calda e il tuo corpo

Norme per i concorsi nuotatori

Studi e conclusioni