Quanto tempo per tornare all’energia dopo aver abbandonato la caffeina?

Chiudere la caffeina può essere un processo difficile. Molte persone non pensano alla caffeina come droga, ma è una forma di stimolante da una classe di farmaci chiamati xantine. Puoi diventare abituato alla caffeina e dipendere dai suoi effetti, quindi abbandonare la caffeina può causare una serie di sintomi spiacevoli. Alcuni dei sintomi che si possono verificare quando si chiudono la caffeina includono mal di testa, stanchezza e un’incapacità di concentrarsi. I sintomi di ritiro della caffeina non durano per sempre.

Caffeina ed energia

Molte persone usano la caffeina per lanciare la loro energia, alcune persone lo usano la mattina presto per andare avanti, altri possono usarlo come pomeriggio pick-me-up. Ancora altri bevono caffè da prima cosa la mattina fino a quando non vanno a letto di notte. Non sorprende che quando si abbandona la caffeina si sente stanco e non ha alcuna energia – hai perso l’effetto stimolante. Chiudere la caffeina significa rinunciare al “lift” fisiologico, alla stimolazione psicologica alla concentrazione e alla dipendenza emotiva che solleva il tuo umore, secondo l’addetto alla medicina Marcelle Pick.

Periodo di recesso

Più la caffeina che prende, più lunga è il periodo di ritiro, secondo la ricerca di Johns Hopkins University pubblicata nell’edizione del 2004 di “Psicofarmacologia”. I ricercatori hanno scoperto che la maggior parte delle persone ha sviluppato sintomi di ritiro entro 12 – 24 ore dopo l’arresto caffeina. I sintomi hanno raggiunto il picco nelle prime 48 ore e sono durati due o nove giorni. L’elevata assunzione di caffeina ha tendono ad aumentare la gravità dei sintomi, ma alcune persone che bevevano appena una piccola tazza di caffè al giorno svilupparono sintomi.

Nove Giorni

Quando l’assunzione di caffeina è troppo elevata, l’effetto stimolante può causare ansia e insonnia. Il ritiro può anche interrompere i tuoi modelli di sonno, secondo il sito web My Addiction. Se la mancanza di energia ti preoccupa durante il ritiro della caffeina, prendi cuore. I sintomi di ritiro sono improbabili per durare più di nove giorni, secondo i ricercatori di Johns Hopkins. Tuttavia, Pick dice che le donne possono richiedere più tempo alla disintossicazione degli uomini e hanno maggiori probabilità di provare sintomi di ritiro.

Ritirare Gradualmente

È possibile rendere il periodo di prelievo meno oneroso riducendo gradualmente l’assunzione di caffeina, piuttosto che semplicemente fermarsi, specialmente se sei un pesante consumatore abituale di caffeina. Pick suggerisce di iniziare la giornata con una tazza di caffè regolarmente, quindi fare la tazza successiva metà decaf e mezzo caffè regolarmente. Se si beve più di due tazze al giorno, è possibile effettuare il resto della metà decaffa. Questa diminuzione graduale può impedire la perdita di energia che si verifica quando si arresta rapidamente la caffeina.

Se il tè, le bevande analcoliche o le bevande energetiche sono la vostra fonte preferita di caffeina, utilizzate una strategia simile per ridurre l’assunzione. Continuare a diminuire la quantità di caffeina di metà ogni giorno. A seconda della solita assunzione di caffeina, potresti essere completamente decaffeinato entro una settimana o così. Sia Pick che i ricercatori John Hopkins concordano sul fatto che il ritiro graduale è meno probabile per provocare sintomi di ritiro come la perdita di energia.

Tè o bibite